Colli del Trasimeno – Trasimeno. Il mare a metà racchiuso tra i colli

Il percorso

Si parte dal Trasimeno, il mare a metà della regione. E allora niente di meglio del famoso paesaggio, nelle sue varie rappresentazioni,  tutte di una sorprendente, realistica idealizzazione, nato dal genio rinascimentale del “divin pittore” Pietro Vannucci, per tutti il Perugino, può rendere il senso  di pace quasi sacrale che si respira di fronte allo spettacolo antico e sempre nuovo delle quiete e misteriose profondità di quel magico specchio d’acqua. Il cammino prosegue in barca o in traghetto dalle sponde lussureggianti di Tuoro, San Feliciano, Sant’Arcangelo, oppure Passignano e Castiglione verso le tre autentiche “perle” che sorgono d’incanto come Venere dalle acque. L’Isola  Minore, l’Isola Maggiore e l’Isola Polvere, “ombelico del lago.

Pesca e pescatori, oltre ai secolari olivi, sono il volto più antico del Trasimeno. Tutto intorno ecco Corciano, con il suo maestoso castello e i reperti etruschi, la già citata Passignano, costruita su un promontorio calcareo,  con le sue strette vie racchiuse da case quattrocentesche. Da qui lo sguardo si perde fino ad approdare dalla parte opposta del Trasimeno dove la superba Castiglione si distende sul lago. Altro palcoscenico è Panicale, vera e propria terrazza sul Trasimeno, ideale per godere di un panorama mozzafiato. Non sorprende più di tanto la presenza in questi luoghi di olivi secolari, il più vecchio dei quali, forse seicento, forse mille anni d’età, è da sempre adagiato a Villastrada, proprio nel comune di Castiglione. 

In collaborazione con: